:: Tolentino
:: San Severino Marche
:: I comuni della provincia
:: Sfondi per desktop
:: Sport Locale
:: Meteo
Neve
:: Eventi Sismici
:: Le attività commerciali
:: Numeri Utili


:: Cerco / Offro Lavoro
:: Compro, vendo, scambio


:: Notizie dal territorio
:: I prossimi eventi
:: Guarda lo spot televisivo


:: Le tue foto
:: Link amici
:: Orari FFSS
:: Orario aerop. Falconara
:: Elenco telefonico


:: Richiesta Informazioni
:: Contatta il webmaster
:: Collabora con noi
:: Lascia un tuo commento



Clicca qui1



Pagine Correlate: Home - Prossimi Eventi
 LA FORMICA NEWS Clicca qui2
Tolentino, mercoledì 13 agosto 2008
Incendio al Teatro Vaccaj di Tolentino. Salvi il sipario storico, il foyer e le zone degli uffici e dei camerini. La preoccupazione del Sindaco Luciano Ruffini, la solidarietà di Saverio Marconi e Maurizio Costanzo.

Sopralluogo del Presidente della Regione Spacca e del Presidente della Provincia Silenzi. Comunicazione dell’On. Cavallaro alla Camera dei Deputati.
Nel corso di un affollata conferenza stampa, il Sindaco di Tolentino Luciano Ruffini, alla presenza del Vicesindaco Gofredo Nobili e dell’Assessore alla Cultura Massimo Marco Seri, ha fornito una serie di informazioni circa l’incendio che ha interessato, nel tardo pomeriggio di martedì 29 luglio, il Teatro Nicola Vaccaj, chiuso da qualche mese per lavori di consolidamento e restauro del tetto.
Le fiamme si sono sprigionate rapidamente ed hanno distrutto il tetto ed il timpano. Sono andati persi gli affreschi della finta volta, che nascondeva il tetto a capriate, dipinta dal Fontana come un Olimpo ed era divisa in quindici unghie. La buona notizia è rappresentata dal fatto che dopo i sopralluoghi si è appurato che è miracolosamente scampato alle fiamme il sipario storico che rappresenta Francesco Filelfo e Niccolò Mauruzi, sempre dipinto dal Fontana e dai suoi allievi.
Ingenti i danni anche se la furia devastatrice dell’incendio non ha creato danni al foyer, ai tre ordini di palchi i cui parapetti sono abbelliti con maschere, fiori,e uccelli su fondo azzurro, alla zona degli uffici e alla zona dei camerini. Oltre al tetto crollato, danneggiata la platea e tutta la zona del palcoscenico e della graticcia. Si ricorda che il Teatro Nicola Vaccaj fu inaugurato dopo una serie di lavori eseguiti su di un palazzo già adibito per ospitare spettacoli, il 10 settembre del 1797, pochi mesi dopo il passaggio a Tolentino di Napoleone Bonaparte. Opera dell’architetto Giuseppe Lucatelli, il teatro, una volta denominato dell’Aquila, fu restaurato una prima volta nel 1881 dal pittore Luigi Fontana, cambiando la denominazione in “Teatro Nicola Vaccaj”. Dopo un lungo periodo di chiusura, dal 1973 al 1985, il Teatro venne nuovamente interessato da un sapiente lavoro di ristrutturazione e riqualificazione, divenendo uno dei teatri storico più importanti delle Marche. Dal 1985 è sede della Compagnia della Rancia che sotto la regia di Saverio Marconi ha saputo creare tanti musical di successo fino a far divenite famosa in tutta Italia la città di Tolentino come la “piccola Brodway”. Molti i politici che si sono attivati non appena saputa la notizia dell’incendio al Vaccaj. Alla conferenza stampa erano presenti l’Assessore regionale Pietro Marcolini ed il Consigliere regionale Francesco Comi. Alla 15 di mercoledì 30 luglio, il Presidente della Regione Marche Spacca ed il Presidente della Provincia Silenzi hanno effettuato un sopralluogo all’interno del teatro per rendersi conto dello stato in cui versa lo storico monumento. Nella seduta di mercoledì 30 luglio, alla Camera dei Deputati, l’On. Mario Cavallaro ha informato i colleghi sulla situazione.
La nostra Città – ha dichiarato il Sindaco Ruffini – è stata colpita al cuore. E’ rimasto danneggiato uno dei simboli vitali di Tolentino, un simbolo della nostra cultura e della nostra creatività e operosità. Attualmente il Teatro è sotto sequestro e non appena gli inquirenti avranno terminato il proprio lavoro di indagine, potremmo fare una prima stima dei danni. E’ nostra intenzione istituire quanto prima, una sorta di task force, che sia in grado di avviare una progettazione seria e soprattutto che ci consenta di reperire i fondi necessari per ricostruire quanto danneggiato dall’incendio. Deve essere chiaro che noi vorremmo riaprire il teatro, quanto prima, ricostruendo le parti mancanti, seguendo l’esempio di quello che è stato fatto anche in altre situazioni similari. Intanto ci siamo attivati per coinvolgere, innanzitutto, la Regione Marche e la Provincia di Macerata per studiare insieme una serie di azioni volte ad aprire un nuovo cantiere che ci consenta di avere il Vaccaj nuovamente fruibile. Contemporaneamente anche il Governo verrà investito della questione per poter condividere azioni di recupero certe e finanziate. Ringrazio quanto si sono adoperati in questa situazione di emergenza ed in particolare i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile, i Carabinieri ed i due elicotteri il cui apporto è stato fondamentale per lo spegnimento delle fiamme.

Visibilmente dispiaciuto Saverio Marconi che ha moltissimi ricordi legati al Teatro Nicola Vaccaj. E’ uno stop violento alla nostra attività – ha detto al margine della conferenza stampa - iniziata 25 anni fa. Come non ricordare la riapertura del 1985, dopo lunghi restauri, che ha consentito di portare sulle scene tanti spettacoli. Quante ore, giornate e nottate intere, passate nella platea a fare prove, a montare e provare scenografie, a modellare le luci di ogni spettacolo. Come non ricordare le emozioni di ogni prova generale o di tanti debutti. Vedere ora lo stato in cui si trova il Teatro è per me un vero colpo al cuore.

In qualità di Direttore Artistico della Biennale dell'Umorismo nell'Arte di Tolentino – ha scritto Maurizio Costanzo - sono veramente addolorato per la notizia dell'incendio che ha danneggiato gravemente, ieri, il Teatro Vaccaj, il teatro storico vanto della città di Tolentino. Un teatro nato nel '700, che ha ospitato tante compagnie, tanti spettacoli, e che negli ultimi 25 anni ha visto svilupparsi anche l'attività di Saverio Marconi, uno dei nomi più rappresentativi del nuovo musical italiano. I lavori di ristrutturazione al "tamburo" del tetto del teatro sarebbero terminati in Novembre, e la struttura avrebbe ripreso la sua normale programmazione. Questo incidente, lungi dal mettere in ginocchio la caparbietà ed il carattere con cui i Tolentinati perseguono i loro intenti culturali e di spettacolo, nondimeno rattrista e preoccupa tutti coloro che amano e vivono il teatro.
Il mio recente incarico di Direttore Artistico della Biennale di Tolentino mi impone un sentito e pronto gesto di solidarietà nei confronti del Sindaco, del Comune e di tutta la popolazione della città. Ho deciso così, di comune accordo con le autorità cittadine, di cancellare il previsto evento/spettacolo del 10 agosto, un concorso per giovani talenti, destinando i fondi (solo un inizio) alla ricostruzione del Teatro Vaccaj. Anche il cartellone successivo degli eventi estivi subirà giocoforza alcuni cambiamenti. Del teatro rimangono per ora (anche se danneggiati) le mura esterne, alcuni palchetti, gli uffici. Mi auguro, ed è credo l'augurio di tutti, che presto quei palchi ospitino di nuovo gli applausi per altri nuovi spettacoli, nel Vaccaj ricostruito.

Comunicato stampa

Ricerca: Torna all'elenco delle news>>>


La formica è online dal 24/12/1999. Informazioni: info@laformica.com. Domande sul sito: webmaster@laformica.com. Clicca per tornare all'Homepage.