:: Tolentino
:: San Severino Marche
:: I comuni della provincia
:: Sfondi per desktop
:: Sport Locale
:: Meteo
Neve
:: Eventi Sismici
:: Le attività commerciali
:: Numeri Utili


:: Cerco / Offro Lavoro
:: Compro, vendo, scambio


:: Notizie dal territorio
:: I prossimi eventi
:: Guarda lo spot televisivo


:: Le tue foto
:: Link amici
:: Orari FFSS
:: Orario aerop. Falconara
:: Elenco telefonico


:: Richiesta Informazioni
:: Contatta il webmaster
:: Collabora con noi
:: Lascia un tuo commento



Clicca qui



Pagine Correlate: Home - Prossimi Eventi
 LA FORMICA NEWS Clicca qui
San Severino, giovedì 20 settembre 2007
BUSTO DEL SANTO RINNOVA INTERESSE PER SCUOLA ROMANA ‘600


Il busto argenteo di san Severino vescovo, realizzato nel 1659 dall’artista romano Sante Lotti e oggi custodito nella cattedrale di Sant’Agostino, a San Severino Marche, ha attirato l’attenzione di uno studioso dell’arte particolarmente esperto di progettazione e restauro di argenti e gioielli. Si tratta di Claudio Franchi, il quale, incaricato per lo studio dell’opera dal Dipartimento di Studi storico-artistici, archeologici e della conservazione dell’Università Roma Tre, è vice presidente dell’Associazione regionale romana orafi ed è noto per essere l’artefice dell’anulus piscatoris (l’anello del Pescatore) che Papa Benedetto XVI porta quotidianamente al dito, nonché per aver progettato e diretto la realizzazione della nuova Icona Acheropita presentata a Pasqua 2007 in piazza San Pietro in sostituzione dello storico originale conservato presso la Sancta Sanctorum lateranense. Nella sua visita a San Severino è stato accompagnato dallo studioso di agiografia medievale e moderna, Pierantonio Piatti, officiale del Pontificio Comitato di Scienze storiche della Città del Vaticano. L’obiettivo: rivalutare le opere di argenteria, in special modo quelle di scuola romana. La “missione” è stata raccomandata dal direttore del Dipartimento dell’Università Roma Tre, il prof. Vittorio Casale, che conferma la grande qualità dell’opera, e dalla professoressa Giovanna Sapori. “Sulla base di ricerche complementari che ho avviato già da tempo a Foligno – spiega Claudio Franchi – siamo approdati a San Severino, attirati dal nome del Lotti, definito non a caso argentiere-scultore da Salvatore Fornari. Lo scopo è quello di riqualificare, di volta in volta, le figure dei maestri argentieri, troppo spesso considerati semplici esecutori di progetti affidati loro da artisti di fama. Infatti, se l’argentiere è abile e in grado di trasferire nella forma definitiva la poetica dell’artista, il risultato sarà nobile e pertanto condiviso, altrimenti il risultato potrebbe essere di tutt’altro segno e svilire i contenuti espressivi dichiarati nel progetto”. A San Severino gli ospiti romani hanno incontrato il parroco della cattedrale don Lino Valeri e il sindaco Cesare Martini per avviare un’interessante collaborazione scientifica. “Il culto dei santi, fermento e custodia di identità culturale, si attesta ancora una volta – sottolinea il sindaco – come elemento propulsivo per la produzione artistica. E il caso specifico della nostra città offre particolari suggestioni per futuri studi”.


Comunicato Stampa

Ricerca: Torna all'elenco delle news>>>


La formica è online dal 24/12/1999. Informazioni: info@laformica.com. Domande sul sito: webmaster@laformica.com. Clicca per tornare all'Homepage.