:: Tolentino
:: San Severino Marche
:: I comuni della provincia
:: Sfondi per desktop
:: Sport Locale
:: Meteo
Neve
:: Eventi Sismici
:: Le attività commerciali
:: Numeri Utili


:: Cerco / Offro Lavoro
:: Compro, vendo, scambio


:: Notizie dal territorio
:: I prossimi eventi
:: Guarda lo spot televisivo


:: Le tue foto
:: Link amici
:: Orari FFSS
:: Orario aerop. Falconara
:: Elenco telefonico


:: Richiesta Informazioni
:: Contatta il webmaster
:: Collabora con noi
:: Lascia un tuo commento



Clicca qui, vai a GruppoSIS



Pagine Correlate: Home - Prossimi Eventi
 LA FORMICA NEWS Vai  a Geronimoweb
Camerino, venerdì 16 settembre 2005
Il comitati degli anticipatari torna a riunirsi per vautare le nuove proposte della Regione Marche

Gli anticipatari torneranno a riunirsi domenica 18 settembre 2005 alle ore 10 nel Salone dell’Hotel I Duchi di Camerino. All’ordine del giorno dell’assemblea vi è la conferma e l’eventuale sostituzione di alcuni componenti del “Comitato degli anticipatari”, la valutazione delle eventuali proposte avanzate dalla Regione, la lettura del parere redatto dagli avvocati Antonella Gamberoni e Giuseppe De Rosa sulla varie ipotesi da seguire per far valere i propri diritti e gli eventuali costi da sostenere e la votazione dell’attività da intraprendere.
La vicenda vede coinvolti i proprietari di immobili che hanno fatto ricorso all’anticipazione prevista dalla D.G.R. 180/2000 e che ora, secondo l’ultimo atto della Regione Marche del 13 giugno scorso, dovrebbero restituire il contributo anticipato (che va da poche migliaia di euro all’importo massimo di 150 mila euro).
Gli anticipatari hanno già inviato due diffide alle Regione Marche e messo in campo una serie di iniziative, tra le quali la realizzazione del sito internet www.anticipatari.marche.it, per sensibilizzare l’opinione pubblica e per mettere la parola fine a una storia legata la terremoto che, per alcuni versi, ha dell’incredibile.
Circa 150 terremotati delle Marche, infatti, hanno ricostruito le loro case prima che il contributo assegnato per i lavori venisse erogato, aderendo ad una proposta della Regione Marche che si impegnava a partecipare ai costi di una anticipazione bancaria del contributo (da qui il nome "anticipatari"), con l'esplicito intento di concludere in tempi rapidi il processo della ricostruzione. Ora la Regione, con un drastico cambiamento di rotta, impone agli anticipatari di restituire, alla scadenza dei 5 anni previsti dall’originaria delibera, la cifra ottenuta dalle banche convenzionate con l’ente stesso, cifra per la quale vengono pagati parte degli interessi bancari.
In sintesi i terremotati anticipatari pagano per il contributo preso e ampiamente speso (chi ha ottenuto 150.000 euro versa all’istituto di credito circa 2.000 euro l’anno di interessi), la Regione Marche versa altrettanto alle banche, con un notevole costo sulla spesa pubblica, mentre gli istituti di credito, finora gli unici veri beneficiari dell’iniziativa, aspettano in una botte di ferro l’evolversi della situazione.



Ricerca: Torna all'elenco delle news>>>


La formica è online dal 24/12/1999. Informazioni: info@laformica.com. Domande sul sito: webmaster@laformica.com. Clicca per tornare all'Homepage.